fbpx
simone-speranza-emanuele-monari-main-event-wsope-day2
Stefano Atzei

Stefano Atzei

WSOPE Main Even – Con Simone out la “speranza” è in mano al Barone: 18 bui al Day3 per sognare!

Le impressioni di Spera e Monari al Day2 del Main Event delle World Series Of Poker Europe.

E’ stata una giornata molto intensa quella appena trascorsa, con Emanuele Monari aggrappato fino all’ultima orbita ma ancora vivissimo coi suoi 160mila gettoni che allo start del Day3 varranno 18 Big Blind.

Nulla da fare invece per Simone Speranza, partito col piede giusto e sprofondato nel count verso metà Day dopo esser salito addirittura a 400K quando i bui erano ancora fermi a T4000.

Di buono c’è che il poker azzurro sembra essere vivo e vegeto anche a questo Main Event: sono diversi gli italiani che hanno staccato un pass per il Day3, a cominciare dal neo-braccialettato Simone Andrian (circa 800K in busta con avg a 450K circa) e il suo compagno di stanza Andrea Ricci (di poco sopra average).

Ottime performance anche per Leonardo Mancuso (1.5 volte l’average), Davide Suriano (attorno alle 400mila), Dario Quattrucci (poco meno di 800K per lui) e Alessio La Francesca (620K circa).

No more hopes

La delusione di Spera si misura dal fatto che lascia quasi subito il casinò dopo l’eliminazione:

Non sono contento della mia gestione da un certo punto del torneo in avanti.

Il primo scossone arriva quando le cose sembravano andare per il meglio:

All’ultima mano prima della pausa a T3k apro UTG 10♠ 9♠, flatta SB e su flop J♣ 8♠ 2♣ si va check to check. Al turn casca una blank, un 2♠ che apre FD sul quale decido di puntare 25K, circa pot. Il mio avversario shova K-Jo per 57mila totali e chiamo, il river non chiude nulla e scendo a 360mila.

Non è stato un grosso problema in quel frangente del torneo, ciò che mi è piaciuto meno è stato uno spot contro Radicchi in cui credo di aver fatto davvero una mano ridicola.

Al cambio di livello ritorno con 280K e da lì in poi non c’è stato chissà quanto gioco: piatti piccoli e poche mani degne di nota, fino allo spot finale dove flatto 3-bet con Q♥9♥ e check-shovo su una texture dove abbiamo flush-draw con l’avversario che chiama con Q-Q.

In generale è stato uno dei tornei che mi ha deluso piu di tutti per quanto riguarda la gestione perché il field non era irresistibile, avevo messo da parte un bello stack e perderne circa un terzo nello spot con Radicchi non aveva alcun senso in quella fase del torneo.

Ci sono stati tanti piccoli dettagli che non mi hanno convinto del gioco espresso, in questi casi credo sia giusto fare autocritica e dire che la colpa è soltanto mia.

Il Barone non molla

Il torneo di Emanuele Monari ha avuto diversi alti e bassi: partito con 150K a T1.600, il Barone ad un certo punto del torneo è arrivato ad avere meno di 10 BB, salvo poi raddoppiare per due volte il suo stack nelle orbite successive:

“Sono partito con 150, sceso a 50, salito a 320 e alla fine ho chiuso praticamente come avevo inizato, a160K.

Sebbene sia la prima volta che gioco un torneo di questo spessore, il field che ho affrontato era decisamente abbordabile.

C’è stato uno spot in cui ho fatto un fold pazzesco con set di Sei contro il mio avversario che aveva una doppia, un fold che onestamente rifarei anche se a conti fatti si è rivelato sbagliato.

Quella mano mi ha compromesso lo stack ma fortunatamente sono riuscito a risalire contro un altro giocatore che mi ha praticamente regalato le sue chip.

Ho cercato sempre di giocare il mio gioco e non ho mai avuto giocatori troppo forti al tavolo o qualcuno di veramente fastidioso.

Il redraw domani sarà fondamentale, spero di hittare qualche board in più e soprattutto runnare un po’ meglio perché quest’oggi non ho mai visto nulla di simile a Q-Q+.

Non che si debba giocare solo col top 2% del range, ma sicuramente una run più favorevole di quanto accaduto oggi sarebbe utile per risollevare la situazione.”

E adesso scatenatevi sulla nostra Fanpage per dare una spinta al nostro Emanuele Monari, impegnato al Day3 del torneo più importante al mondo, il Main delle WSOP seppur in versione europea!

Se vi siete persi l’ultima puntata del nostro V-log vi basta schiacciare play qui sotto!

GUARDA IL PRIMO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME IMPRENDITORE

GUARDA IL SECONDO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME ATLETA

Sul nostro sito puoi trovare anche i VIDEOCORSI  dedicati a tornei, cashgame e crypto trading!

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!

E se vi siete persi l’ultima puntata del nostro V-log vi basta schiacciare play qui sotto!

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su skype