fbpx
strutture-scoop-pokerstars-eugol-sanchioni-rino-fusco
Stefano Atzei

Stefano Atzei

SCOOP o Turbo Series? Perché le strutture scelte da PokerStars fanno discutere

Siamo giunti all’ultimo atto dello Spring Championship Of Online Poker 2021 che, a differenza dello scorso anno, non è stato prolungato ad libitum ma si è concluso entro le due settimane (abbondanti) previste.

A saltare all’attenzione di regular e amatori però è stata la scelta di evitare i tornei multi-day dando una sforbiciata alle strutture, che rispetto alle altre edizioni dello SCOOP non si sono dimostrate all’altezza delle aspettative.

Sì perché sia lo SCOOP che l’ICOOP, per chi è appassionato delle due carte, rappresentano (o forse hanno rappresentato) l’occasione più ghiotta per far valere il fattore skill ai tavoli, grazie appunto a delle strutture più tecniche dello standard che hanno sempre trovato riscontri positivi sia tra i regular che tra gli amatori.

Stavolta invece si è optato per un cambio di rotta e, sera dopo sera, il malcontento diventava sempre più tangibile. Ne abbiamo parlato assieme ai nostri Rino Fusco ed Eugenio Sanchioni, entrambi critici sulla scelta della room della Picca Rossa.

Addio intermedi

Tra le pecce di alcune strutture di tornei dal buy-in importante c’è sicuramente l’assenza dei livelli intermedi sia nella middle che nella late stage:

Ci sono dei livelli che tagliano le gambe alla gente, se fai 1 buio x1.5 ad ogni livello è finita, se sei card dear per due livelli ti trovi con lo stack dimezzato.” – spiega Eugol.

Rino Fusco: “A 100 left al 100 normal di ieri sera l’average era attorno ai 15x. Chiaramente questa situazione va un po’ a vantaggio degli occasionali perché si assottiglia l’edge dei professionisti, anche se si presuppone che questa venga fuori specialmente nelle fasi short stack.

Sta di fatto che essendoci più varianza ed essendo costretti a giocare più colpi, l’occasionale può ridurre il gap coi regular.” –

Deep, too deep

Un altro aspetto controverso riguarda la scelta di avere delle strutture molto deep nell’early stage, per poi crollare letteralmente quando il peso monetario delle scelte diventa più rilevante.

Eugol: “Hanno messo sempre stack enormi, perché si presuppone che l’occasionale sia attratto da uno stack grosso, ma sembravano le strutture dei circolini.

Addirittura al Main Event hanno messo livelli da 20 minuti al Day 1 per poi abbassarli a 15 al Day 2, una follia!”

Rino Fusco: Visto l’elevato numero di partecipanti era inevitabile che per far finire il torneo in un solo giorno le strutture sarebbero dovute essere più simili a un turbo, probabilmente per accontentare gli occasionali hanno messo delle strutture super deep (inutili) che crollavano inesorabilmente in late.

Tutto in un giorno

Far finire un torneo con migliaia e migliaia di partecipanti in un solo giorno significa trasformare la struttura di un normal in un turbo (o semi-tale). Ma siamo sicuri che sia stata la mossa giusta, sia dal punto di vista dei regular che (soprattutto) per gli occasionali?

Eugol: “Non si sa quale sia il motivo visto che hanno sempre funzionato bene sul ‘punto it’ e nessuno si è mai lamentato.

Anche i 250 hanno delle strutture che non esistono, ad esempio oggi ci sono 11 minuti a livello, però almeno hanno messo degli intermedi! 😁”

Rino Fusco: Capisco che prendersi un impegno su due giorni, per un occasionale che non fa questo di lavoro, è diverso rispetto ad una sola giornata, ma si sarebbe potuto aggirare il problema facendo delle scelte differenti.

Ad esempio, invece che far cominciare un torneo alle 8 e prolungarlo fino a notte inoltrata, sarebbe bastato fare dei tornei che partivano sempre alle 8, 9 o 10 di sera ma che chiudevano il Day1 all e 2 di notte.

Perché per uno che lavora, un conto è fare le due di notte (e sapere quindi quando finisce), un altro è trovarsi a giocare fino alle 5 o 6 del mattino senza avere idea di quando poter staccare.

Secondo me è stato fatto un errore di valutazione, anche se probabilmente l’organizzazione avrà avuto le sue ragioni per fare così. La sensazione che ci sia stato del pressapochismo nell’organizzazione della schedule, però, rimane.

E voi cosa ne pensate a riguardo? Lasciateci le vostre impressioni sulla Fanpage!

Vuoi prenotare una lezione con un coach ITZ ? CLICCA QUI

Ora sta a voi lasciarci qualche commento sulla nostra Fanpage!

GUARDA IL PRIMO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME IMPRENDITORE

GUARDA IL SECONDO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME ATLETA

Sul nostro sito puoi trovare anche i VIDEOCORSI  dedicati a tornei, cashgame e crypto traiding!

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su skype