report 3008 1

Quello che sembrava un tranquillo sabato di WSOP Online, è diventata un’occasione incredibile per uno dei nostri coach di In The Zone! La grande serata di Emanuele “BudSpencer” Monari si è conclusa proprio ad un passo dal braccialetto nell’evento #75, non senza qualche rammarico per una mano finale davvero “sick”. Andiamo a vedere cos’è successo nel dettaglio e chi è si è portato a casa alla fine la vittoria.   Se volete invece sapere quali sono stati tutti i vincitori WSOP Online fino a questo momento, date un occhio al nostro articolo riepilogativo di tutti i vincitori del braccialetto!

 

WSOP #75 $300 Double Stack NLH

Era cominciato con ben 3.552 entries per un montepremi di quasi un milione di dollari, il torneo del sabato pomeriggio in “Asian Zone” con buyin relativamente contenuto (300 dollari) e un field eterogeneo tra professionisti del poker e tanti grinder dell’online.

Tra di loro, il nostro coach Emanuele “BudSpencer” Monari (a queste latitudini più noto con il suo nick “barramp9k8”) che pian piano scala la leaderboard arrivando addirittura da chipleader al tavolo finale!

Siamo ormai in piena notte italiana, ravvivata però da questo finale che potrebbe regalare il secondo braccialetto italiano di queste WSOP. Al tavolo ci sono praticamente solo due big stack, quello di Emanuele e quello del norvegese Trygve “FullSendWig” Leite. Ed è proprio lui a cambiare passo, eliminando in breve tempo almeno cinque avversari e portandosi in vetta al count.

Si capisce subito come sia lui l’avversario da battere, e dopo che anche Emanuele elimina un paio di concorrenti, ci arriva all’heads up conclusivo per la vittoria (che potete rivedere a carte scoperta sulla nostra diretta di ieri notte fatta partire al volo!). Una base di 101k$ è garantita, per cui la prestazione sarebbe già di altissimo livello, ma è chiaro che ormai si lotta solo per quel sogno che si chiama braccialetto.

La sfida a due parte non benissimo per il nostro coach, con il norvegese che assesta un colpo dietro l’altro portandosi in netto vantaggio di chips. Poi però si comincia a ingranare, e il gap si riduce al minimo rimettendo tutto in corsa.

Quando arriva la mano decisiva in effetti, gli stack sono molto vicini. Flatta Emanuele, raise del norvegese a x4 e nuovo call con Q8 a fiori. Il board sembra molto buono, perchè recita Q56 con due cuori, ma è ancora Leite a uscire puntando 2.7BB trovando ancora il call. Jack al turn e seconda bordata del norvegese da 10.3BB. Ancora Call di Emanuele. Il river è un 8 di quadri che porta una doppia coppia al nostro coach, che infatti al check dell’avversario, mette tutti i suoi 27.9BB nel mezzo. Lo snap call non fa presagire nulla di buono però, e infatti Leite gira un 10 9 per la scala che spegne i sogni di gloria azzurri.

mano finale

Il braccialetto va al comunque molto bravo Trygve “FullSendWig” Leite, mentre per Emanuele “BudSpencer” Monari rimane un secondo premio comunque importante da oltre 100 mila dollari e l’esperienza di essersi giocato il trofeo più importante al mondo.

Pos. Nome Paese Premio
1 Trygve “FullSendWig” Leite Norway $130,100
2 Emanuele “BudSpencer” Monari Italy $101,292
3 Anjali “Iwanashipit” Agrawal India $72,204
4 Eliyahu “yaldon” Elyshiv Israel $51,470
5 Gregory “C0bb” Ronaldson South Africa $36,689
6 Paul “Pistolero99” Lozano Spain $26,154
7 Jiahuan “brahms” He China $18,643
8 David “Stoic123” Mitchell United States $13,290
9 Connor Drinan United States $9,473

 

WSOP #70 $25.000 Poker Player Championship NLH

Travolti dalla cavalcata di Emanuele, non ci siamo però dimenticati che nel contempo si svolgeva anche il tavolo finale di uno degli eventi più importanti di queste WSOP, se non altro perchè il buyin da 25.000 dollari ha generato un prizepool da oltre 10 milioni e consegnato una prima moneta da 1.8 milioni!

Erano rimasti in nove a giocarsi il titolo, tutti ovviamente con diverse esperienze e un buon bottino di premi in carriera. Alla fine l’ha spuntata Christian Rudolph, che arriva finalmente al tanto atteso braccialetto dopo averci provato in almeno altri quattro final table. Chiaro che questo è il premio più importante vinto in carriera, ma anche per il runner up Chris Hunichen si tratta di una vincita che in pratica raddoppia in un solo colpo il suo bankroll totale.

Eliminati in rapida successione prima il chipleader del Day1 Jason Koon, poi via via tutti gli altri fino al vincitore del braccialetto Shankar “Saquon” Pillai, l’heads up finale ha preso in fretta a direzione di Rudolph, che solo in alcuni momenti ha lasciato avvicinare l’avversario. La mano finale certo è fortunata (Q 10 maggiore di QK con un 10 sul flop), ma il gap ormai era ampio.

Pos. Nome Paese Premio
1 Christian Rudolph Germany $1,800,290
2 Chris Hunichen United States $1,332,097
3 Shankar “Saquon” Pillai United States $979,138
4 Aleksejs Ponakovs Latvia $719,700
5 Aram “Pusha T” Zobian United States $529,005
6 Brunno Botteon Brazil $388,837
7 Jason Koon United States $285,808
8 Paulius “ChickenBBQ” Plausinaitis Lithuania $210,079
9 Aliaksei “BladeRunner1” Boika Belarus $154,416

 

I prossimi appuntamenti

Una domenica sera imperdibile quella che potrete vedere in diretta sul canale di In The Zone su Twitch!! Simone “Spera91” Speranza sarà infatti protagonista non solo al Day2 del Main Event d queste WSOP, ma ci saranno anche i tavoli del #76 Forty Stack da $400 e il #78 Turbo 6-Handed da $1.000 con altre due occasioni per puntare dritto al braccialetto!  Appuntamento quindi intorno alle ore 21 circa con il commento tecnico dei coach di ITZ a tenervi compagnia durante la live. 

Non sei ancora abbonato al nostro canale Twitch?

Clicca qui per registrarti e accedere all’archivio delle trasmissioni passate e ricordati di mettere il follow per ricevere le notifiche ogni volta che saremo online!