fbpx
marco speranza in the zone studio solver
Stefano Atzei

Stefano Atzei

Sogni, ambizioni e riflessioni di un poker pro, in Italia – con Marco Speranza

Giocare a poker, e cominciare a farlo nell’era dei solver con l’ambizione di farci un lavoro, non è la cosa più semplice del mondo.

In particolare per noi italiani, confinati da un decennio all’interno di una liquidità chiusa che ha imposto a tanti professionisti di trasferirsi oltre i confini nazionali.

Nel caso di Marco Speranza, considerato l’esempio del fratello maggiore, l’ipotesi di fare il poker pro poteva non essere del tutto un salto nel buio ma gli stimoli non possono provenire soltanto dai soldi.

Per uno come lui, appassionato di giochi di ruolo e sparatutto, i numeri sullo schermo sono e restano tali.

E’ la curiosità la vera molla che lo spinge a darsi da fare ogni giorno (sui solver) ed ogni notte (ai tavoli da gioco). Curiosità di trovare una soluzione e di metterla in pratica.

Dove trovi gli stimoli per studiare contro un field statico, che si aggiorna poco?

Quando ti confronti con un field limitato spingersi troppo oltre è inutile, perché è più profittevole exploitarne le tendenze mettendo in pratica quel che sai.

Quella di studiare e cercare nuove soluzioni è più una questione mia che un’esigenza dettata dal field. E poi se giochi contro chi non studia certe cose si notano…

E tu saresti pronto a fare un salto?

L’obiettivo è quello, ma per salire di livello bisogna avere il roll giusto ed essere preparati ad affrontare il field e al momento non sento l’esigenza di farlo.

Se fai soldi al tuo abi devi solo aspettare di avere il bankroll giusto per spingerti più in là, è una questione matematica che va abbinata alle tue competenze.

Domani mattina ti svegli con 200 mila euro in più sul conto, come cambia la tua routine?

Cambierebbe poco, Sistemerei un bel po’ di cose e mi permetterebbe di aver un roll sufficiente a giocare un abi più alto, ma inizialmente non mi butterei subito a capofitto.

Continuerei a giocare quel che ho sempre giocato inserendo pian piano qualche tavolo per prendere un campione di mani e studiare il field contro cui andrei a giocare.

Nessuno è mai veramente pronto a fare un salto se non si è mai misurato contro un certo tipo di avversari: se cambia l’abi cambia il field, e con esso le tendenze. Bisogna sempre aspettare un po’ di tempo per trarre delle conclusioni.

Hai mai sofferto la pressione del payout, specialmente quando hai approcciato un nuovo livello?

Non sento pressione per quanto riguarda i soldi, potrei avere dei problemi di altra natura come andare in difficoltà in certe situazioni e non sapere cosa fare, questo sì mi darebbe molto fastidio.

Ho sempre letto e sentito che il modo migliore per guadagnare più soldi e non subirne l’influenza: per me è un ragionamento logico, l’ho sempre fatto e anche ai tavoli cerco di rimanere abbastanza freddo.

So che hai letto diversi libri sul poker, ce n’è uno in particolare che ha dato una svolta al tuo percorso?

Il libro sul Mental Game del poker di Jared mi ha aiutato molto, non ha dato una svolta ma è stato utilissimo e ogni tanto continuo a leggerlo.

Il poker è un gioco a sé, devi essere pronto a sapere cosa accadrà, perché prima o poi accadrà… Come giocare gli Assi contro i Kappa e sperare di non perdere mai, tu vinci 8 volte su 10 non 10 su 10.

Accettare il gioco, capire meglio il gioco, in questo mi ha dato una mano.

Ti diverti a studiare sui solver?

Mi diverto a cercare soluzioni, ma è più come guardare un documentario che un vero e proprio divertimento: la curiosità di guardare come va a finire un qualcosa.

A me piace anche organizzare per bene il materiale di studio, fare delle tabelle excel, inserire i dati giusti, ma questa è una cosa mia, il processo che fa scaturire il tutto è la voglia di conoscere, imparare cose nuove per capire poi cosa dovrò andare a fare.

Ora sta a voi lasciare un bel like, o un commento, sulla nostra Fanpage!

GUARDA IL PRIMO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME IMPRENDITORE

GUARDA IL SECONDO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME ATLETA


Vuoi prenotare una lezione privata con Marco Speranza? CLICCA QUI!

Sul nostro sito puoi trovare anche i VIDEOCORSI  dedicati a tornei, cashgame e crypto traiding!

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su skype