Affermare che il mental game nel poker sia più importante di qualsiasi strategia di gioco, per quanto avanzata, non è affatto un’eresia.

Il nostro mindset o meglio, improvvisando una traduzione letterale dall’inglese, il nostro “settaggio mentale” è strettamente connesso al modo che abbiamo di esprimerci al tavolo da gioco.

Rappresenta la nostra attitudine in quel preciso momento, rispecchia l’essenza di ciò che siamo unita alle emozioni che stiamo provando: è da lì che parte tutto.

I fish del mental game

Essere un “fish” al tavolo non significa esclusivamente non avere le competenze tecniche per affrontare un livello.

Esistono tanti buoni giocatori infatti che, nonostante lo studio e la tecnica di gioco, commettono dei disastri epocali per il solo fatto di non esser stati in grado di controllarsi in una determinata situazione.

In questo breve articolo, traendo libera ispirazione dal libro di Jared Tendler The Mental Game of Poker 1 (inserendo il codice coupon inthezone potrai ottenere uno sconto del 15%), abbiamo individuato 5 segnali che dovrebbero mettervi in allarme circa il vostro mental game.

LINK UTILI: Mental Game of Poker 1 Mental Game of Poker 2

1 – Adattamenti in base alla varianza

Adattare la propria strategia di gioco in base all’esito delle giocate è più o meno l’equivalente di mettersi a guidare in contromano in una strada a senso unico: prima o poi ci si scontrerà con qualcuno e gli esiti potrebbero essere tutto fuorché di nostro gradimento.

Questo tipo di attitudine in genere deriva dalla scarsa consapevolezza di se come giocatori, ma può capitare benissimo anche ad un giocatore preparato tecnicamente (ma con un mental game debole) di lasciarsi influenzare dalla varianza a sua insaputa.

2 – Provare a vincere ogni mano

A chi non piacerebbe? Il poker tuttavia è un gioco di attesa (lo dice il nome stesso, hold’em, letteralmente “trattienile”) e vincere ogni singolo spot è praticamente impossibile (diciamo praticamente perché almeno a livello teorico questa possibilità può esistere).

La skill principale di un buon giocatore non è tanto vincere dei colpi forzando la mano laddove odds, situazione e circostanze non lo consiglierebbero, quanto piuttosto saper aspettare il momento giusto e passare, passare, passare.

3 – Vivere il poker come una guerra personale

Una mano di poker è una mano di poker. Stop. In molti però fanno una gran fatica a capirlo e si ostinano a vivere ogni singolo rilancio come uno schiaffo alla propria dignità.

State tranquilli, anche se l’avversario riuscirà ad avere la meglio su di coi con un bluff, la vostra integrità morale resterà sana e salva.

LEGGI ANCHE: 3 CONSIGLI PRATICI PER APPROCCIARE AL MEGLIO UNA SESSIONE

4 – Sentirsi dei fenomeni dopo aver letto/studiato qualcosa

Non è sempre così, ma nella maggior parte dei casi sì. Anche perché imparare un concetto è un conto, farlo diventare un automatismo nel nostro gioco è un altro: ci vuole il tempo necessario.

Alcuni giorni fa abbiamo dedicato un approfondimento alle 4 fasi dell’apprendimento assieme a Simone Speranza che potete trovare QUI.

Capire questi passaggi ci aiuta a comprendere per quale motivo non ha alcun senso esaltarsi dopo aver appreso qualche nozione nuova (seppur utilissima).

5 – Spiegare agli avversari che errori hanno commesso

Questa vi sarà capitata sicuramente, e se non eravate voi a vestire i panni del “professore” probabilmente qualcuno l’ha fatto per voi.

Spiegare agli altri come avrebbero dovuto giocare e perché hanno sbagliato potrebbe sembrare quasi un atto di benevolenza, ma dietro questa finta gratitudine si cela un senso di frustrazione incontrollabile.

Non è coachando a partita in corso i nostri avversari che miglioreremo i risultati, quando capendo in che modo sbagliano e sfruttando i loro errori (varianza permettendo).

Per approfondire ulteriormente questi argomenti il consiglio migliore che possiamo darvi è quello di leggere i libri di Jared Tendler, Mental Game del Poker 1 e Mental Game del Poker 2, dove vengono trattati diffusamente tutti gli aspetti peculiari del mental game applicato al poker (codice promo: inthezone).

LEGGI ANCHE: TILT FACILE? QUESTIONE DI CONSAPEVOLEZZA

E voi riuscite a mantenere un mindset di ferro ai tavoli da gioco? Scrivetecelo lasciando un commento sulla nostra Fanpage!


Vuoi prenotare una lezione privata con un coach di In The Zone? CLICCA QUI!

Sul nostro sito puoi trovare la Masterclass MTT livello BASIC e la Masterclass MTT livello ADVANCED.

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!