fbpx
lungo periodo nel poker
Stefano Atzei

Stefano Atzei

Che cosa significa (per davvero) il lungo periodo nel poker

Il lungo periodo nel poker è quasi un tormentone.

Qualcosa che si sente spesso nominare e che risulta sempre così difficile da definire, sebbene si tratti dell’unico modo (sensato) per valutare la bontà di un giocatore.

Ma che significa, in termini concreti, questo benedetto lungo periodo e quanto deve esser lungo?

Ne abbiamo parlato con Simone Speranza e come accade sovente gli spunti di rilfessione non sono mancati di certo…

Il mito del lungo periodo

La mia idea generale è che un giocatore che sta al top del livello a cui sta giocando non può perdere (non mi riferisco ovviamente alla singola sessione).

Però, per dire, tre mesi di fila non può perderli, è molto raro se sei veramente al top.

Se invece rientri nella media può succedere qualsiasi cosa: flatti per un anno, perdi per sei mesi e fai rosso…

Hai un margine talmente basso di guadagno che anche i dettagli più insignificanti possono trasformare un ROI 10 (o un ROI atteso da 10) in ROI 0 o negativo.

Diciamo che se sei nella media il lungo periodo quasi perde di senso come concetto perché sia che vinci, che flatti o che perdi qualcosa in fondo cambia poco: non meriti più di così.

Ci sono tanti giocatori che fanno +60 un anno, poi flattano per i due successivi e si lamentano della badrun.

Non c’entra nulla la fortuna in quei casi, probabilmente invece hai goodrunnato il primo anno e negli altri due hai fatto più o meno quel che ci si poteva (realisticamente) aspettare.

Con ROI atteso tra il 10 e il 20 % la vita (pokeristicamente parlando) è molto difficile, è un’altalena continua.”

LEGGI ANCHE: EMANUELE MONARI – QUANDO UNA LEZIONE DI POKER PUO’ DARE UNA SVOLTA

Il falso atteso

Si fa molta confusione quando si tirano in ballo argomenti come il ROI o il ROI atteso.

Sono parametri così difficili da interpretare che ogni discorso, nella maggior parte dei casi, lascia il tempo che trova.

Per fare un esempio: se sei un reg che ha un ROI atteso del 10/20% (ma allo start di un torneo hai tecnicamente ROI 30%) che però ha problemi nel mental game, la capitalizzazione dell’atteso sarà molto probabilmente inferiore, magari del 5% sull’investimento totale.

Il ROI è un dato che comincia ad avere senso sopra i 5mila tornei giocati e viene influenzato da molteplici fattori.

Specie per quanto riguarda gli MTTer, ai quali basta spegnere il cervello per un’ora a sessione in corso e fare ROI -50/60%, stimare un atteso rimane sempre qualcosa di molto vago.

Un ROI altalenante

Il modo in cui performiamo, il livello di concentrazione nel tempo, la capacità di mantenere l’A-game il più a lungo possibile, sono tutti fattori che incidono sul ROI anche a sessione in corso.

Tanti giocatori che teoricamente hanno un ROI atteso superiore al 20%, quando cominciano la sessione senza un adeguato warm-up viaggiano su ROI più bassi e magari solo dalle 22:00 in poi ritornano a ROI 10/30%.

Altri ancora mantengono un buon ROI per le prime ore e a seguito di problemi col mental game (o per un semplice calo di concentrazione) bruciano tutto quel che di buono hanno fatto prima giocando a ROI negativo.

Se prendessimo per assurdo 10mila giocatori, la vera differenza la farebbero il top 5/10% e il bottom 5/10%, tutti gli altri starebbero nel mezzo.

E tu che ne pensi a riguardo? Scrivicelo commentando sulla nostra Fanpage!

LEGGI ANCHE: SIMONE SPERANZA: IL DOWNSWING ALLE WSOP? IL VERO TRAGUARDO È STATO GIOCARLE!


Vuoi prenotare una lezione privata con Simone Speranza? CLICCA QUI!

Sul nostro sito puoi trovare anche i VIDEOCORSI  dedicati a tornei, cashgame e crypto traiding!

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su skype