fbpx
lockdown
Stefano Atzei

Stefano Atzei

Gli effetti del lockdown sui guadagni dei poker pro – con Pokerbern

Il lockdown forzato cui siamo costretti più o meno dalla metà di marzo ha stravolto (in positivo) il traffico sulle poker room online.

Non si tratta di un nuovo boom (come accadde nel 2010) perché la ragione dell’aumento ha radici differenti rispetto al passato, sta di fatto che i professionisti delle due carte hanno tratto enormi benefici dal periodo di clausura forzata.

Ora che ci troviamo ad affrontare un secondo lockdown, sebbene con misure restrittive differenti e specifiche a seconda della regione di residenza, la situazione non è cambiata di troppo rispetto alla scorsa primavera.

Abbiamo affrontato la questione con Gianluca Bernardini, coach cash game ITZ e poker pro da una decina d’anni…

Golden lockdown

Da marzo , come per tutti i giocatori professionisti, le vincite hanno subito un boost importante.

Ora, non so di preciso come siano andate le cose per ciascuno, ma generalmente nel periodo che va da marzo a maggio scorso si trattava di una cosa abbastanza palese.

Il traffico era quadruplicato e ai tavoli non sono arrivati fior fior di professionisti ma fiotte di amatori.

Di conseguenza la liquidità è aumentata in modo importante e i win rate dei pro sono schizzati alle stelle, proprio perché il pool dei professionisti è rimasto tale e quale ma sono cresciuti spropositatamente gli amatori.

I benefici del lockdown

Quel che è accaduto è che i giocatori che giocavano a livelli bassi hanno cominciato a shottare ai livelli più alti, almeno fino all’estate dove le cose si sono normalizzate.

Intendo che chi giocava basso è tornato ai livelli a cui era abituato, almeno fino a questa seconda quarantena.

Ora il traffico è tornato a salire ma siamo ben lontani dai picchi di marzo.

Sono sicuro che nel periodo natalizio l’affluenza sarà superiore, è successo praticamente tutti gli anni e capiterà in misura maggiore anche stavolta visto il periodo delicato in cui viviamo.

Inoltre sappiamo bene che agli italiani piace investire nel gioco, sia che si tratti di scommesse che di casinò o poker.”

LEGGI ANCHE: DANIELE DE FEO: IL POKERISTA, AVVOCATO E MUSICISTA CHE NON T’ASPETTI!

Cosa è cambiato col lockdown

“La vita non è cambiata granché perché noi pokeristi siamo (ed eravamo) già abituati a stare a casa per la maggior parte del tempo.

L’unica differenza è che non è più possibile praticare uno sport come in passato e chi faceva attività fisica in modo costante si è dovuto accontentare di qualche corsetta o qualche esercizio in palestra.

Io ad esempio giocavo a calciotto in un campionato amatoriale e ho dovuto rinunciare allo sport da quando siamo in queste condizioni.

Sembrerà una cosa stupida ma per un poker player, abituato a stare di fronte al pc per 7/8 ore filate al giorno, quel momento in cui si può realmente staccare col poker manca come il pane.

Credo che anche il più malato del gioco abbia subito, in qualche modo, il lockdown.

Noi poker player professionisti ne abbiamo subito le conseguenze in misura minore rispetto ad altre persone e anzi, diciamo che nel primo mese di quarantena accendere il computer era diventato un piacere.

In quei giorni mi svegliavo contento e mi mettevo a giocare per ore ed ore senza troppi problemi…

LEGGI ANCHE: SIMONE SPERANZA: IL DOWNSWING ALLE WSOP? IL VERO TRAGUARDO È STATO GIOCARLE!

Cash o MTT?

“Quest’anno ho giocato zero MTT.

Nel 2019 stavo a Malta per giocare cash ma alla fine giocavo molti più MTT e la ragione era molto banale: il .com rispetto al .it è tutta un’altra storia.

Al mio ritorno in Italia il palinsesto MTT non era certo quello a cui ero abituato e per giunta odio giocare multi-room, quindi ho preferito concentrarmi sul cash piuttosto che giocare tornei per 8/10 ore di fila con un traffico drasticamente inferiore al .com.

In realtà ho avuto anche la fortuna di shottare 15K isu circa 40 MTT giocati durante la quarantena, ma il discorso si è chiuso lì perché giocare cash era enormemente più profittevole.

E poi col cash avevo la possibilità di gestire il tempo a mio piacimento e fare una pausa ogni 2/3 ore, qualcosa di impossibile quando si giocano i tornei.”

E a te come sono andate le cose in quarantena? Scrivici la tua lasciando un commento sulla nostra Fanpage!

LEGGI ANCHE: 3 LIBRI SUL POKER DA REGALARE ASSOLUTAMENTE A NATALE


Vuoi prenotare una lezione privata con un coach ITZ? CLICCA QUI!

Sul nostro sito puoi trovare anche i VIDEOCORSI  dedicati a tornei, cashgame e crypto traiding!

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su skype