fbpx
Stefano Atzei

Stefano Atzei

ITZ Rookies Ep.2 – “Swing-bartox” e il segreto salva-sessione di Rayden

Ci eravamo lasciati con un pezzo introduttivo ai limiti del formale, ci ritroviamo a una settimana di distanza con un’aria più scanzonata (sarà la primavera?) a raccontarvi le avventure dei magnifici 4, i Rookies di ITZ.

Complice un imprevisto dell’ultimo secondo Alessandro Luiso diserta l’appuntamento del martedì, ma anche soltanto in compagnia del trio composto da Rayden, Gigo e Simbartox gli spunti non sono mancati, ve l’assicuro…

Swing-bartox

Dopo una partenza da urlo arriva il primo scivolone in concomitanza con l’arrivo delle Series.

Uno swing di circa 2K per Simbartox, dopo il successo sfiorato al Big 10 (più povero della storia, a detta sua):

Penso che accada una volta nella vita di fare 2° al Big 10, Simba è vergognoso. Anzi, questa è una cosa che ci tengo a dire stasera: non giocatevi le gire contro di lui. MAIII.” – Gigo dixit.

A me hanno mandato una mano tua contro fortunestreet” – interviene Rayden – “ho risposto: sarà stato un misclick...”

(risata generale)

“Dove hai shovato un miliardo con A-7 contro le Dame, la sottoporremo al giudizio di Simone a lezione!”

Tempo di SCOOP

Giocare dei tornei con montepremi importanti, specie per chi è poco abituato, può portare a situazioni come quella vista ieri al The Opener, dove i 9 finalisti hanno dealato alla pari:

Stavo railando il tavolo – racconta Rayden ero in lacrime raga… Ero in chat con Nicolò e gli scrivevo: dai, proponi all-in al buio che magari sciacalli pure ‘sti altri duemila!”

Deal dell’altro mondo a parte, giocare le Series significa aumentare la spending giornaliera, un po’ come se ogni giorno fosse domenica. E per non sentire il peso economico in maniera eccessiva e giocare con più leggerezza l’unico segreto è vincere.

Rayden: “Domenica ho fatto secondo al warm-up ma la spending totale è stata di 800 euro.

Un torneo come il warm-up, nella domenica inaugurale delle Series, non viene preso d’assalto dai top regular del livello ed è un’occasione ottima per inserirlo in schedule.

Tornei di questo tipo, con field ridotto e pochi regular, sono ideali per abbattere un po’ la varianza.”

Gigo-blogger

Sarà per via della saggezza sprigionata dalla risposta di Rayden, ma Gigo si cala nella parte dell’intervistatore e coglie l’occasione per fargli una domanda specifica:

Come approcci le Series, o meglio, quand’è che ti ritieni contento, o le vedi soltanto come un’occasione per fare uno shot come altre?

“Intanto bisogna godersele, un torneo come quello dell’altra sera, il 6-max da 125, era fantastico. Poi, per chi come noi riesce a tablare tanto, l’ideale è giocare anche i tornei più piccoli, perché è con quelli che si tira avanti alla lunga.”

La paura fa… imbarcare

Per i nostri Rookies si tratta delle prime esperienze a delle Series importanti come lo Spring Championship Of Online Poker (o se non le primissime siamo lì), e talvolta può capitare di trovarsi in tavoli particolarmente ostici.

Immaginiamo una situazione ipotetica, tavolo 6-max con 3 nomi noti: quando vi trovate a giocare contro un reg preparato è più la voglia di combinargliela o quella di girare alla larga?

Rayden: “Io cerco di non imbarcarmi, se devo prendermi un 3bettato light non mi imbarco con un fish, non ho lo stimolo di dire: ho fatto foldare Spera. Se c’è l’occasione non patisco il nome, ma non mi imbarco.”

Anche perché non folda…” – aggiunge Simbartox.

(risata generale)

Gigo: “Si tratta di un qualcosa che ho affrontato assieme a Nicola (Valentini ndr.), se c’è un giocatore che è disposto a lanciarmi 50 x addosso, perché devo andare a giocarmi il tribettato contro uno forte?

Sto cercando in linea generale di evitare situazioni difficili, specialmente per l’abi a cui gioco. Se poi un domani giocherò solo contro reg preparati mi adatterò di conseguenza.

Simba: “Io non è che ci gioco contro…”

(risata generale)

Simbartox: “Dai dico sul serio, l’unico a cui le ho tirate addosso è stato a un reg al max 30, ho pensato ‘è top reg , potrà avere del bluff qui. E infatti ha girato nut.”

Chi si sente più carico per le Series?

Io ieri ero carichissimo – prosegue Simbartox ho mandato un messaggio al Gigo e gli ho detto: ‘ho swingato sta settimana ma stasera sono carico a molla’.

Erano le 8, alle 8 e 10 ero già lì che gli scrivevo di come mi avevano scoppiato colore nut con uno che chiude poker. Ma vaxxx…

Il paradosso

Situazione limite: vi trovate al testa a testa finale di un torneo, magari in diretta streaming con qualche centinaia di spettatori, con un distacco tra primo e secondo non eccessivo.

Preferite fare la giocata giusta e perdere per un colpo di sfortuna o sculare e fare primi giocando una mano pessima (con annessi commenti del pubblico)?

Rayden: “Sempre la seconda, i soldiiii!” –

Gigo: Se stiamo giocando il Ko 30 che cambiano 100 euro magari faccio il figo, se c’è un torneo che sposta 5K preferisco chiamare con bottom pair 3 street e prender la mia al river!

LEGGI ANCHE: ITZ ROOKIES EP.1 La scalata di Gigo e il peso dello studio


E ora sta a voi lasciare un bel like o un commento ai nostri Rookies sulla Fanpage!

GUARDA IL PRIMO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME IMPRENDITORE

GUARDA IL SECONDO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME ATLETA


Vuoi prenotare una lezione privata con un coach ITZ? CLICCA QUI!

Sul nostro sito puoi trovare anche i VIDEOCORSI  dedicati a tornei, cashgame e crypto traiding!

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su skype