fbpx
eugenio-sanchioni-in-the-zone-voti-poker-discipline-cash-mtt
Stefano Atzei

Stefano Atzei

Cash-game, MTT o Spin&Go? Il poker online visto alla maniera di Eugenio Sanchioni

Una cernita delle 3 discipline principali attraverso le considerazioni di Eugenio Sanchioni, top winner MTT nel 2020 sul Stars.it

All’inizio inizio, quando ancora ci aumenta la pulsazione per esser andati all-in al torneino casalingo da 5 euro di buy-in tra amici, del poker abbiamo a malapena sentito il profumo.

Così come nel momento in cui decidiamo di depositare per la prima volta e schierarci ai tavoli online, aprendo un po’ quel che capita: uno Spin a sinistra, un torneino a destra e perché no, magari un tavolo cash da giocare super nitty nella speranza di rientrare magicamente della spesa senza colpo ferire.

Il poker è un gioco, bello ed emozionante, ma qualcosa di enormemente distante da un lavoro. Il criterio di discernimento per comprendere su quale disciplina buttarci è ancora acerbo: tutto funziona in base a dove, come e (soprattuto) quanto si vince.

Se per sbaglio vincessimo 5/6 poste al cash, il giorno dopo è probabile che riapriremo lo stesso tavolo con rinnovata speranza, così come se la stessa sera arrivassimo in fondo a un torneo o pescassimo un moltiplicatore succoso agli Spin.

Non esistono ancora dei parametri oggettivi per capire cosa convenga o meno fare, sebbene l’istinto ci porti sempre in direzione di quel che ha generato le emozioni (e probabilmente i guadagni) più grandi.

Anche un professionista sceglie in base alla convenienza, ma per farlo ha dovuto prima prender coscienza di sé come giocatore, capire i propri limiti e conoscere i punti di forza.

Nel caso del nostro Eugenio Sanchioni, che dopo tutta la trafila sopracitata è arrivato, nel 2020, a diventare Top Winner nei tornei MTT su PokerStars.it, la scelta si sposta su un altro piano.

Gli stimoli a fare meglio degli altri sono quelli che hanno consentito la scalata fino al vertice, ma poi? Ecco perché, arrivati a un certo livello di competenza, la scelta si sposta dall’emisfero sinistro a quello destro del nostro cervello.

Al momento Eugol sta cominciando a macinare migliaia e migliaia di mani ai tavoli cash game del NL100 e NL200, ampliando i suoi orizzonti come giocatore e cimentandosi in un mondo che fino a qualche tempo fa nemmeno aveva preso in considerazione.

Abbiamo passato in rassegna le tre discipline principali disponibili online (cash-game, tornei e Spin&Go) per capire pregi e difetti di ciascuna. Il tutto scaturito dalla domanda: “Ma quindi ora molli i tornei per giocare cash?

LEGGI ANCHE: Dal vangelo secondo Eugol – Il regolamento di Stars (o anche, i segreti della room per runnare da dio)

Tornei MTT (multi-table-tournament)

Il poker in formato torneo è, per molti, l’unico modo di concepire il Texas Hold’em. Spesa contenuta (o limitati al numero di ingressi disponibili), possibilità di vincere 100, 200, 500 o più volte la posta e tanta adrenalina che scorre ad ogni showodown.

Eugenio nei tornei è riuscito, nell’anno della pandemia, a guadagnare quanto si faceva qualche lustro fa, quando il poker online era ancora una miniera d’oro per quei pochi eletti che facevano il bello e cattivo tempo contro un field di improvvisati:

Perché forse non sai che i migliori 4/5 cash-gamer hanno vinto almeno il doppio di quanto abbia fatto io coi tornei…

E’ per questo che stai cominciando a giocare cash? – gli chiedo.

“Diciamo che mediamente il reg MTT studia meno di un reg cash e anzi, ce ne sono alcuni che non studiano proprio. In media il field MTT è più morbido e, con dei buoni exploit anche inconsapevoli, si può campare di rendita e tenere un ROI decente senza davvero applicarsi.

La possibilità di shottare un torneo attirerà sempre gli occasionali e anche la percezione comune sul chi è bravo e chi no, viene sempre incentrata sui giocatori di tornei.

Pensa soltanto ai più famosi, tolti Phil Ivey e Tom Dwan i reg cash sono sempre all’ombra dei torneisti di successo: in Italia abbiamo Dario e Musta, all’estero la lista si spreca. E i cash-gamer? Quelli che guadagnano 300K+ l’anno, da anni, senza battere ciglio? Al massimo si conosce qualche nickname.

Nel mondo dei tornei un anno può esser deciso da un singolo shot e il brutto è che non saprai mai quando arriverà. Ci sono colpi 10 left che spostano 5/10K, mentre nel cash anche se prendi un cooler clamoroso al massimo perdi uno/due stack.

I voti di Eugol

Piacere nel gioco: 9
Adattabilita orari: 1
Complessita del gioco:
9
Guadagno: 7.5 (con o senza Challenge)

Cash-game

La risposta alla domanda su un possibile cambio di disciplina stenta ad arrivare, probabilmente perché anche nella testa di Eugenio il punto interrogativo domina ancora la scena:

“Anche a cash si può runnare male, ma alla fine dell’anno la differenza tra atteso e reale non sarà mai così ampia come nei tornei. E poi il cash ti garantisce una flessibilità negli orari che un MTTer si scorda, soprattutto qui in Italia.

E’ vero che i tavoli migliori si trovano alla sera, ma non capita mai ad un reg cash di trovarsi con un solo tavolo alle 6 di mattina, a un torneista sì.

Se non c’è traffico puoi quittare e riprendere il giorno dopo, mentre nei tornei se ti è rimasta solo una deeprun e non parte più nulla, sei costretto a monotablare fino a notte fonda.”

A cambiare, oltre alla possibilità di organizzarsi la giornata a piacimento, è il modo di studiare:

“Questione di deepness principalmente. A cash, quando studi le blind-war a range larghi soprattutto lato BB (ricodiamo che non ci sono ante ma c’è la rake) basta spostare qualcosa e cambia tutto.

Nei tornei invece la difesa si studia con stack più ridotti e in alcuni casi lo spot risulterà più complesso da studiare. E pure se studi non saprai mai se chi hai davanti starà overfoldando o underfoldando.

Perché anche se studi a fondo le tendenze di un certo giocatore, per la maggior parte la sua azione dipenderà più da come si è svegliato quel giorno.

Capita anche a me, a volte sono più splasher e altre più tight, dipende da quanti tavoli ho aperti, da quanto sono deep… A cash invece hai sempre 4 tavoli e 100 big blind davanti.

Io al momento sto giocando cash praticamente senza rakeback, se è vero che nei prossimi mesi Stars cambierà il Vip System e ci sarà un minimo del 35% per tutti il cambio di disciplina potrebbe non essere così campato in aria.”

I voti di Eugol

Piacere nel gioco: 7.5
Adattabilita: 8
Complessita: 8.5
Guadagno: 9

Spin&Go

“Ne ho giocato qualcuno ma non mi hanno mai appassionato più di tanto. Di sicuro i regular Spin saranno i più interessati ai cambiamenti della rakeback visto che i ROI sono particolarmente bassi.

Gli Spin sono ideali per i massgrinder, è una disciplina in cui, oltre un certo livello, non ci si può spingere e a fare la differenza è la massa prodotta.

Non voglio dire che non ci sia studio ma di sicuro, partendo tutti short stack e in formato hyper-turbo, saranno enormemente meno le situazioni cui far fronte rispetto a cash e tornei. Insomma, si studia il gioco ma in modo meno approfondito rispetto al resto.

Di buono c’è che il traffico è discreto più o meno tutto il giorno, non c’è limite di tavoli ed è possibile organizzarsi la giornata al meglio.”

I voti di Eugol

Piacere nel gioco : 4
Adattabilità orari : 10
Complessita del gioco: 5
Guadagno: 8
(con Challenge) 4 (senza Challenge)

Nell’attesa di capire se nei prossimi anni “Eugol93” diventerà o meno uno dei regular cash più temibili sul “punto it” vi invitiamo a dirci la vostra e perché no, dare qualche voto alle singole discipline in base alla vostra esperienza. Dove? Sulla nostra Fanpage!

LEGGI ANCHE: Tutto quel che c’è da sapere sulla ITZ Academy: offerta didattica, costi, dettagli e piano di studi

GUARDA IL PRIMO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME IMPRENDITORE

GUARDA IL SECONDO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME ATLETA

Sul nostro sito puoi trovare anche i VIDEOCORSI  dedicati a tornei, cashgame e crypto trading!

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su skype