Praticamente un mese fa, il 25 novembre scorso, Enrico Camosci era ad un passo dal centrare un altro risultato di prestigio dopo il braccialetto di quest’estate.

Sarebbe stata l’ennesima conferma nel giro di pochi mesi (non dimentichiamoci il runner-up all’evento Omaha delle WSOP dove ha sfiorato il secondo braccialetto) ma qualcosa è andato storto…

La situazione

Siamo al Final table del Caribbean Poker Party sull’estensione ‘dot com’ di Partypoker, oltre 800mila dollari di prima moneta e 7 giocatori ancora in corsa, tra cui proprio “GTOExploiter”.

Enrico decide di difendere il Grande Buio con 6♥ 5♥ e circa 26 BB a disposizione sull’apertura del chipleader Grayson Ramage, che tra le hole cards ha Q♣ Q♥.

Al flop arriva un bel check-call su 7♥ 3♠ 2♦, seguito da un check-raise all-in su 8♣ turn: snap-call per Ramage e si va allo showdown.

Camoscino gira la sua bilaterale contro le Dame dell’avversario: i sogni di gloria si infrangono contro un 7♦ al river e il neo-campione del mondo viene eliminato in 7° posizione.

Ebbene sì, check-call al flop e check-shove in semi-bluff in un momento di massima pressione ICM: abbiamo fatto analizzare lo spot al nostro Emanuele Monari perché avevamo bisogno di vederci più chiaro (e per ovvie affinità territoriali)...

enrico camosci in the zone wpt bluff

L’analisi di Emanuele Monari

Prima di parlare dello spot credo sia fondamentale fare una premessa: nei tavoli finali il fattore ICM condiziona in maniera importante i range in gioco.

Generalmente gli stack medi sono quelli più attaccabili (quindi soggetti a maggior pressione ICM) perché meno inclini a giocarsi la tournament life vista la presenza di uno short stack al tavolo (Philippe) ed Enrico, Aleksej e Dominykas rientrano in questa categoria.

Inoltre il fatto di essere quasi pari stack tra loro li espone ad una ulteriore pressione reciproca.

Preflop

Il range con cui apre il chipleader da early position con la situazione di stack al tavolo sarà sicuramente wide.

Mi aspetto sia composto da tantissimi Assi suited ma soprattutto off-suited (dico soprattutto perché in termini di combo la parte off ha un peso maggiore), broadway suited e off-suited, gli 8+ suited e talvolta anche i 9+ off.

Può darsi che in questo frangente UTG restringa un po’ la parte trash del range di open perché anche il BTN ha 70BB e, qualora capisse che il chipleader stesse allargando il suo range a dismisura, potrebbe iniziare a flattare più wide sfruttando il vantaggio posizionale.

Non dimentichiamoci che l’ICM ha comunque un peso nonostante la tournament life difficilmente verrà messa a rischio.

Perciò credo che qui, un buon giocatore, possa aprire con il range che ho descritto: largo ma non in maniera esagerata.

Lo small blind è un player di altissimo livello e a mio avviso fa un fold davvero notevole: il flat contro il range del CL sembra una opzione ragionevole, ma l’austriaco avrà valutato la difficoltà a giocarsi un pot dove spesso sarà fuori posizione in 3-way contro il chipleader e un giocatore molto preparato sul BB. Mi sembra sinceramente un fold eccezionale.

Enrico difenderà un range più stretto del normale considerata la situazione in stack e visto che gioca contro UTG.

Mi aspetto sinceramente che non abbia 2-off e 3-off e possa foldare talvolta anche qualche 2-suited e 3-suited.

La sua mano qui è chiaramente una difesa obbligatoria.”

Flop

Il flop è sconnesso (e rainbow) e su qui l’original raiser ha il vantaggio delle overpair. Enrico ha probabilmente un vantaggio di set perché è improbabile che il chipleader apra 22-33, ma la texture rimane ottima per consentirgli di c-bettare con tutto il range.

Non mi aspetto che il BB check-raisi quasi mai in questo spot, anche con mani come TT-JJ-QQ non vedo ragione di raisare in uno spot dove il range più forte ce l’ha ha chi apre.

La mano di Enrico mi sembra un call discreto, anche se su tantissimi runout sarà un check-fold turn. Se però gestiamo correttamente il nostro range va benissimo così.”

Turn

“Si tratta della carta che, nei panni di Enrico, speri non caschi mai…

Ovviamente sono ironico, ma diciamo che in un tavolo finale simile l’unica cosa che speri accada è prendere delle decisioni tranquille, della serie ‘Hitto la mia oppure soldi a te’.

Enrico decide di pushare sulla second barrel 2/3 pot di Grayson che snappa con le Dame…

Credo che la mossa più corretta sia il fold turn, ma dipende tutto dalle frequenze dell’original raiser.

Una chiave di lettura interessante potrebbe essere capire quanti 2-x e 3-x abbia effettivamente Enrico al turn, perché quella è la parte del range che andrà ad attaccare il suo avversario: molte combo di A-x infatti, potrebbero essere overfoldate al flop vista la natura dello spot.

Il mio dubbio quindi è legato a quanto effettivamente Grayson possa optare per una second barrel al turn quando ha un target di fold esiguo e limitato a 2-x/3-x, qualche Asso high e qualche pocket pair.

Non vedo tanto bluff con cui digerire un check-push nel range di Grayson quindi mi viene il dubbio che potremmo non avere range di check-push GTO, anche se di questo non ne sono affatto convinto.

Credo sia, come detto in precedenza, uno spot in cui non vorresti mai trovarti al tavolo finale e lo dico perché sono stato abbastanza critico dopo aver visto la mossa di Enrico.

L’esperienza al Big Game

Mi è capitato uno spot identico la domenica successiva al 530 Big Game su Party e ho capito quanto siano effettivamente close le due scelte.

Si trattava di una situazione speculare contro un player aggressivo, Boris Kolev.

Lui ha optato per una size più piccola al turn (per fortuna) e ho deciso di limitarmi al call per poi passare river.

In quella dinamica credo di esser stato influenzato negativamente dal payout, motivo per cui ho provato grande stima per Enrico che, sebbene non condivida a pieno la sua giocata, è riuscito a ragionare senza farsi condizionare da scalini così importanti.”

Il replay della mano

Ecco l’action commentata in diretta (dovrebbe partire in automatico, in caso contrario 1:36:30 ed il gioco è fatto):

Ora tocca a voi scriverci le vostre opinioni lasciando un commento sulla nostra Fanpage!

LEGGI ANCHE: 3 LIBRI SUL POKER DA REGALARE ASSOLUTAMENTE A NATALE


Vuoi prenotare una lezione privata con un coach di In The Zone? CLICCA QUI!

Sul nostro sito puoi trovare la Masterclass MTT livello BASIC e la Masterclass MTT livello ADVANCED.

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!