Prima di cominciare, sapete in cosa consiste una bankroll challenge, giusto?

Si stabilisce un budget e, rispettando le regole del bankroll management, si comincia a giocare a un determinato livello.

Gli obiettivi possono essere vari, dallo scalare progressivamente tutti i livelli come ha già dimostrato di saper fare Doug Polk qualche anno fa, al raggiungemento di un semplice traguardo monetario.

Lo scopo, quello non dichiarato seppur verissimo, è dimostrare quanto la componente abilità sia preponderante nel gioco rispetto all’alea, se approcciato nel modo corretto s’intende.

La bankroll challenge di Emanuele Monari

Che il nostro “BARRAMP9K8” sia ormai diventato un punto di riferimento per chi ci segue su Twitch è un dato di fatto.

Non ci stupisce quindi che sia proprio lui a raccogliere il guanto per provare a deculplicare l’investimento iniziale di 2.000€ in soli 100 giorni di grinding, ci sorprende piuttosto che abbia deciso di farlo ai tavoli cash e non nella sua disciplina prediletta, i tornei multi-tavolo:

Anche su Twitch qualcuno si è fatto la stessa domanda: perché il cash e non i tornei? – spiega Emanuele – Innanzitutto perché mi diverte, mi stimola.

Fissare degli obiettivi nello short term, specie in un gioco come il poker dove i conti si fanno esclusivamente sul lungo periodo (che potrebbe essere un anno, dieci anni o un’intera carriera), mi entusiasma.

Stabilire un traguardo monetario nei tornei è presunzione, perché la varianza la conosciamo tutti, mentre nel cash-game può essere qualcosa di più concreto.

Pur non essendo un cash gamer ho una ottima preparazione postflop (senza nulla togliere ad altri miei colleghi MTT sia chiaro) e ciò fa sì che, almeno ai low/mid-stakes come il NNL50/100 riesca a difendermi.

Sono curioso di mettermi alla prova e vedere se riesco a competere con altri cash-gamer, perché anche se non se ne parla ogni giorno, la diatriba su cosa sia meglio tra cash o tornei, è sempre in auge.”

Le regole della bankroll challenge

Come ogni sfida che si rispetti, occorre fissare delle regole:

  • Tempo stabilito: 100 giorni (di gioco effettivo)
  • Streaming: la maggior parte delle sessioni (ma non tutte)
  • Discplina: Cash-Game
  • Numero di tavoli: Su PokerStars non se ne possono aprire più di 4 (in futuro però potrebbero essere incluse altre room)
  • Bankroll di partenza: 2.000€
  • Limiti di partenza: NL50 e NL100
  • Obiettivo: 20.000€
  • Obiettivo reale: Pagarsi delle lunghe vacanze nel 2021 😋

Come seguire la bankroll challenge

Le sessioni, trasmesse in diretta streaming, avranno luogo principalmente nel pomeriggio anche se potrebbe capitarvi di trovare il buon “BARRAMP9K8” schierato già alla mattina (o perché no, anche a notte fonda…)

Il link per seguire le peripezie di Emanuele Monari è QUESTO (seguiteci numerosi sul nostro canale Twitch) dove potrete asisstere alla live stream, mentre per rivedere gli episodi precedenti dovrete essere abbonati (gratis con Amazon Prime):

Il cash-game ha un po’ meno seguito rispetto ai tornei perché c’è meno divertimento in senso stretto, meno showodown o gradini che spostano migliaia di euro.

Il percorso di un cash-gamer è come il passo dell’alpino, lento e inesorabile, una disciplina nella quale la costanza viene premiata.

La scelta di non trasmettere ogni singola sessione è dettata dal fatto che i regular sono più o meno sempre gli stessi e svelare completamente il mio gioco, alla lunga, potrebbe rendermi facilmente exploitabile.

Verrà lanciato sicuramente un thread sul nostro canale Discord, dove si potranno trovare gli aggiornamenti sulle sessioni, e di tanto in tanto troverete anche qualcosa sul blog.

bankroll-challenge-emanuele-monari-in-the-zone

Emanuele Monari ai posti di comando.

Un esempio per chi inizia

Il solo fatto di poter ambire a vincere 20mila euro in 100 giorni è qualcosa di straordinario, a prescindere da tutto. – precisa Emanuele – Si tratta di cifre importanti che, oggi più che mai, spostano parecchio, a prescindere dai miei 22 anni.

Spero di dare la forza a tanti che, pur orbitando da tempo in questo mondo, sono un po’ ai margini. Uno stimolo per approcciarsi a una disciplina stupenda, come il cash-game, che può essere anche molto redditizia.”

Alla domanda sul perché non ha scelto di fare come i colleghi più illustri e partire con un mini-bankroll da 100 euro, Emanuele risponde:

Ho seguito un po’ la Challenge di Carrel, che rimane uno dei miei preferiti, ma devo ammettere che vederlo giocare cash-game al NL10 era qualcosa di straziante.

Preferisco impiegare il mio tempo guardando un top player che gioca un torneo High Stakes (e magari apprendere qualcosa di nuovo) piuttosto che vedere un noto pro che scende agli inferi dei 10 euro.

Bankroll challenge: perché conviene seguirla

Passiamo per un attimo al lato pratico: oltre all’intrattenimento (questo sì, garantito) perché conviene seguire la bankroll challenge?

Nel corso delle dirette è possibile che vengano inserite delle promozioni, legate al raggiungimento di piccoli traguardi.

Ad esempio, raggiunti i primi 5K potrebbe scattare un reward da destinare a sorteggio tra chi è collegato in quel momento, oltre a tante altre chicche che però non vi svelerò ancora…

Ora non resta che dare inizio alla contesa: riuscirà Emanuele Monari a portare a termine (con successo) la sua bankroll challenge?

Detrattori e ammiratori, rosiconi e fan sfegatati, fatevi sotto e dateci dentro coi commenti sulla nostra Fanpage!


Cerchi del coaching privato? Dai uno sguardo alla nostra offerta sulle lezioni peer-to-peer!

Inoltre è già disponibile la Masterclass MTT livello BASIC e la Masterclass MTT livello ADVANCED : Clicca QUI per scoprire tutti i corsi disponibili).

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!