fbpx
andrea rossiello
Stefano Atzei

Stefano Atzei

Slow play, never pay – Andrea Rossiello beffato dalla mossa del nonno!

L’avrete sentito dire anche voi, in qualsiasi lingua o forma.

Noi diremmo “chi troppo vuole nulla stringe“, oltremanica preferiscono (riferito al poker) “slow play, never pay” sta di fatto che al nostro Andrea Rox, la mossa del nonno non è riuscita esattamente come sperava.

Che cos’è la mossa del nonno? Il “limpone” con gli Assi ovviamente, anche se nel caso specifico l’action è molto più ponderata di quanto non si possa pensare.

Lo spot, giocato la scorsa settimana da Andrea Rossiello al Night On Stars e trasmesso (e commentato) in diretta Twitch, ha fatto saltare letteralmente dalla sedia il buon Spera che, nonostante l’esito poco felice, elogiava la giocata del coach di In The Zone:

L’ha portato nel boschetto, l’ha portato!

In che modo? Scopriamolo assieme al protagonista…

La situazione

Night On Stars, bui 5.000/10.000, Ante 1.000.

Andrea decide di limpare da UTG con A♠ A♣ (si gioca 8-handed) e trova il rilancio di “Losalba63” a cui segue il call del BB (con 6x dietro):

Ho un range di limp con 15x che gestisco in maniera omogenea, portandomi nel range a volte la parte top assieme al resto che voglio limp-foldare o limp-shovare contro isolation.” – spiega Rox.

andrea-rossiello-in-the-zone

Il flop

Il flop è abbastanza rassicurante per il Andrea, che ovviamente checka da primo a parlare lasciando l’iniziativa all’original raiser che punta circa mezzo pot.

Il Big Blind decide che l’esplorazione può terminare qui e Rox chiama lasciandosi dietro meno di mezza pot size bet:

In questo determinato spot è chiaro che mi sia portato al flop la parte top del range (questa cosa potrebbe non essere così limpida per il nostro avversario che isola) di conseguenza il postflop si gioca quasi da solo.

Essendo fuori posizione lascerò fare tutto ad Oppo e così è stato.”

andrea-rossiello-in-the-zone

LEGGI ANCHE: EMANUELE MONARI – QUANDO UNA LEZIONE DI POKER PUO’ DARE UNA SVOLTA

L’epilogo

Su turn J♠ che apre qualsiasi draw e un rapporto tra stack e piatto (SPR) inferiore a 0.5 l’unico dubbio è sul quando finire ai resti.

Andrea decide, coerentemente alla sua strategia, di effettuare un nuovo check-call sulla bet dell’avversario che arriva puntuale.

Rox si trova così a mettere tutte le chip in mezzo al 90.9%, per un piatto da 35 bui in una fase abbastanza delicata del torneo.

andrea-rossiello-in-the-zone

Il 10♠ che vedete nello screenshot qui sopra è abbastanza eloquente

D’altronde cosa ci si poteva aspettare dalla mossa del nonno? ?

Ora però tocca a voi scriverci le vostre esperienze coi “trappoloni” d’altri tempi commentando sulla nostra Fanpage!

E non dite che non ci avete mai provato perché non ci crediamo!

LEGGI ANCHE: SIMONE SPERANZA: IL DOWNSWING ALLE WSOP? IL VERO TRAGUARDO È STATO GIOCARLE!


Vuoi prenotare una lezione privata con Gianluca Bernardini? CLICCA QUI!

Sul nostro sito puoi trovare anche i VIDEOCORSI  dedicati a tornei, cashgame e crypto traiding!

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su skype