Quando diciamo che lo studio, la costanza e l’applicazione sono la chiave per avere successo non stiamo ripetendo una formuletta magica così, pour parler, come si dice dall’altra parte delle Alpi.

In un gioco come il Texas Hold’em, dove il fattore aleatorio è una variabile fissa da tenere in considerazione, ripetersi a certi livelli per più anni uno in fila all’altro non è affatto semplice.

Perché in fondo è questo ciò che un professionista prova a fare: rendere (il più possibile) indifferente l’impatto della varianza sul bilancio annuale.

E con indifferente non intendiamo dire che le oscillazioni monetarie spariscano magicamente una volta aperto un solver, quanto piuttosto che al raggiungimento di un determinato livello di competenze l’incidenza della dea bendata non vada ad intaccare una soglia minima che giustifichi l’appellativo di “professionista” nel mondo delle due carte.

Il nostro Andrea Pini, “Andreacigna” ai tavoli, è l’esempio perfetto di quanto appena detto…

Un anno coi fiocchi

“E‘ andato tutto liscio da inizio anno fino ad ottobre, da quel momento in poi il trend positivo si è invertito ma il bilancio annuale è decisamente positivo.

Se ad inizio anno mi avessero detto che avrei vinto oltre 60K ci avrei messo la firma, anche perché il top winner del 2019 si aggirava su quelle cifre là.

Sono molto soddisfatto di com’è andata e il lockdown ha indubbiamente dato un boost a tutti i professionisti: l’asticella dei profitti si è alzata parecchio per tutti.

I risvolti positivi di questo 2020 non si limitano soltanto ai risultati ai tavoli o al lato economico, perché lavorativamente c’è stato anche il lancio della Masterclass MTT che mi ha dato tantissime soddisfazioni.

andrea pini in the zone

L’andamento di Andrea Pini su Ipoker.it.

Partenza col botto

Sono partito con diversi piazzamenti importanti sin da inizio anno, come un 4° posto a un evento delle Winter Series, un altro 4° ad un NOS KO, vari risultati alle Carnival Series e via dicendo.

Febbraio è passato un po’ in sordina ma da marzo in poi il vento è cambiato e già ad inizio primavera c’è stato un upswing importante da oltre 30K.

L’apice è stato lo shippo del 250 Turbo Series per più di 16K, lo shot più grande centrato nell’arco del 2020.

A giugno il bilancio segnava già 60K e sinceramente non avevo chissà quale grande aspettativa per l’estate: ero convinto di flattare anche per via del traffico ridotto (oltre alle WSOP online), ma invece ho continuato a macinare senza tuttavia centrare degli shot di rilievo.”

andrea pini in the zone

L’andamento di Andrea Pini su PokerStars.it.

Ottobre, discesa libera

“Le sessioni sono andate bene fino a metà ottobre, dove il grafico segnava quasi 80K di profit multiroom.

Il traguardo, inizialmente impensabile, dei 100K sembrava davvero alla portata ma proprio sul più bello è arrivata l’altra faccia del nostro lavoro.

ste

Il bilancio generale di Andrea Pini nel 2020.

Uno swing di circa 20mila euro multiroom che non è mai semplice da digerire: è’ stato sicuramente il downswing più importante della mia carriera.

Ripercussioni? No, perché lavoro costantemente sul mio gioco e sulla mia consapevolezza ai tavoli, oltre a avere un confronto diretto con Nicola Valentini che è stato determinante nel mio percorso di crescita.

E poi, parliamoci chiaro: ho guadagnato circa la metà di quanto ha fatto Eugol quindi, a prescindere da tutto, direi che ho ottenuto indubbiamente un ottimo risultato! 😜

Com’è andato il tuo anno pokeristico? Scrivicelo lasciando un commento sulla nostra Fanpage!

LEGGI ANCHE: SIMONE SPERANZA: IL DOWNSWING ALLE WSOP? IL VERO TRAGUARDO È STATO GIOCARLE!


Vuoi prenotare una lezione privata con Andrea Pini? CLICCA QUI!

Sul nostro sito puoi trovare la Masterclass MTT livello BASIC e la Masterclass MTT livello ADVANCED.

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!