fbpx
Stefano Atzei

Stefano Atzei

Perché i tornei 6max premiano il fattore skill più degli altri formati – con Andrea Montanari

Se per un giocatore occasionale il poker è soltanto questione di fortuna, per un professionista il discorso si sposta sull’Expected Value piuttosto che sul volere della dea bendata.

Fare il poker pro non significa scendere in campo ogni sera per dimostrare a tutti di essere i più forti in circolazione, bensì effettuare il più possibile delle scelte ad EV positiva, sia a partita in corso che in tutti gli aspetti preliminari tra cui la selezione dei tornei.

Non tutti i formati infatti presentano le stesse caratteristiche sebbene il gioco rimanga il medesimo: dai freezout ai re-buy/re-entry, passando per i tornei a taglie o per quelli con 6 (o meno) giocatori al tavolo le possibilità sono davvero numerose.

Assieme al nostro coach MTT Andrea Montanari, fresco del runner-up SCOOP centrato la scorsa settimana, abbiamo approfondito il discorso sui tornei 6-max perché, secondo il suo parere, si tratta dei tornei in cui le skill vengono fuori in modo più importante rispetto agli altri. Il perché? Scopriamolo assieme!

Un ROI pazzesco

Non che Andrea abbia bisogno di ostentare il suo score ai 6-max, ma per capire subito a cosa allude il nostro “kash’mir1985” osservare il grafico dei tornei con 6 giocatori al tavolo può essere illuminante.

hhhh
I risultati di Kash’mir1985 ai 6-max negli ultimi due anni di gioco

Il campione di tornei è sicuramente molto piccolo e comprende lo shot della scorsa settimana (così come tanti altri “pali” presi in altre circostanze), ma il dato sul ROI è di certo fuori dalla norma per quello che un regular italiano si aspetta di avere ai tavoli online:

“Il ROI che sono riuscito a tenere nei 6-max ad abi 50 negli ultimi due anni è veramente imbarazzante e non credo di
essere l’unico. Tutti i giocatori che studiano il gioco si attestano, chi più chi meno, su questo livello.”

A skill game

Il motivo di un ritorno così importante non è affatto un mistero per Andrea:

“Nei tornei 6-max si giocano spot a range larghissimi, sia pre che post, e l’edge viene fuori in maniera molto più marcata rispetto ai tavoli 8-max o full-ring.

Tanta gente prende sotto gamba questo aspetto e non a caso ci sono degli occasionali che swingano cifre impressionanti nei 6-max.

E’ vero che, per quanto concerne il mio grafico, in mezzo ci sono i 16K del runner-up SCOOP che hanno dato un boost non indifferente, ma resta il fatto che si tratta di un formato nel quale i pro fanno la differenza.

Che sia un Sunday 6-max su Stars, un evento delle Series o il 6-max KO di Party.it (dove da inizio anno ho fatto 5 HU) il discorso non cambia. Personalmente credo di aver credo di aver raggiunto l’heads-up in almeno uno dei 6max presenti alle Series negli ultimi due anni.”

6-max? No, grazie!

“Ai ragazzi che iniziano con me sconsiglio vivamente di giocare i 6-max proprio perché si entra in dinamiche dove, se trovi dei regular preparati, ti scontri costantemente contro di loro e non c’è scampo.

Se penso a tutti i tavoli giocati nell’ultimo periodo, uno tra i più difficili è stato proprio a inizio Day2 dell’evento SCOOP, dove ho trovato Piroddi e Predaroli che mi hanno dato del filo da torcere.

Il field medio è molto arrendevole e passivo postflop, non riuscendo ad adattare i range dal full-ring in modo ottimale, e quando su sei giocatori ne incontri due di quel calibro si finisce a giocare spot in continuazione e se non si è pronti a reggere il passo si rischia una brutta fine…”

E voi come vi trovate ai tavoli 6-max? Scrivetecelo lasciando un commento sulla Fanpage!

Vuoi prenotare una lezione con Andrea Montanari? CLICCA QUI

Ora sta a voi lasciarci qualche commento sulla nostra Fanpage!

GUARDA IL PRIMO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME IMPRENDITORE

GUARDA IL SECONDO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME ATLETA

Sul nostro sito puoi trovare anche i VIDEOCORSI  dedicati a tornei, cashgame e crypto traiding!

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su skype