approfondimento-andreapini

Sedicesimo approfondimento tecnico con il team della In The Zone Academy dedicato alle World Series Online di Spera. Oggi il coach Andrea Pini analizza per noi un fourbettato di Simone al primo flight del Main Event WSOP.

L’analisi fa luce sulla definizione dei range in base a come si muovono i protagonisti della mano sia nel pre che nel postflop.

Se vuoi sapere meglio come funzionano le Masterclass della ITZ Academy CLICCA QUI.

HAND REVIEW

Su blinds 500-1.000 Spera apre 2.500 da hijack con KK♠, Pablo Silva da small blind tribetta 9.500, Spera fourbetta 22.400, Pablo Silva chiama.

Flop 7♠25♠, small blind check, Spera bet 11.400, call.

Turn K♥, doppio check

River A♥, Pablo Silva check, Spera check. Pablo Silva gira Q♠Q♦.

PREFLOP

Cominciamo facendo una breve panoramica dello spot per comprendere bene i range in gioco. Su unopened Simone apre a 2500 da HJ con quasi 100x dietro. Foldano tutti fino a small blind che opta per un 3bet a 9500. Simo decide di 4bettare a 22.400, small blind chiama.

Il range di Simone è composto da una percentuale piccolissima di mani, che si aggira intorno all’uno per cento del range. Questa porzione è divisa tra frequenze di AA-KK-AKs e bilanciata con microfrequenze di AJo-KQo e Assi baby suited. Il range di flat del suo avversario sarà pressochè piccolo quanto quello di Simo ma è probabile che si aggiri intorno al 2% e sarà composto da frequenze di AA (più di quante ne abbia 4bettate Simone) KK- QQ, probabilmente JJ-TT, qualche broadway suited strong come AQs e KQs, ma mai AK sia off che suited.

I range in gioco sono entrambi molto forti e si differenziano di pochissimo, quindi nessuno dei due ha un vantaggio significativo sull’altro. L’unica differenza sostanziale è che Simone avrebbe flattato spesso AA alla 3bet, diciamo tra il 30% e il 40% delle volte, quindi in una situazione di 4bet il peso di AA sarà maggiore nel range di small blind, che tenderà a flattarlo quasi sempre per proteggere il suo intero range.

FLOP

Flop c’è poco da aggiungere alla linea di entrambi. Simone può bettare full range e small blind non avrà mai grossi motivi per raisare, se non con dei KK senza la picca che non blockerano AKs di picche di Simone e potrebbe bilanciare con AQs di picche. Condivido sia la bet di Simone con KK che il check-call di SB con QQ.

TURN

Al turn i range sono praticamente invariati tranne che small blind perde qualche combo di AQs e la combo rimanente di KQs di fiori. Cade un K di cuori che regala il set di K a Simone e lo spot va check check. Per la linea di small blind niente da aggiungere. Condivido la linea di Simone perchè difficilmente estrarrà valore da JJ-QQ, e le combo di AA che ha small blind pagherebbero sia turn che river (lo stack to pot ratio è molto basso quindi non ha neanche il bisogno di dover bettare per buildare il pot).

In pratica sta checkando per far realizzare la poca equity che hanno le combo di pair che SB ha flattato alla 4bet e per underappare la sua mano in modo da bilanciare con la parte di bluff, ossia le piccole frequenze di assi baby a fiori/quadri/cuori ad esempio, che non poteva essere ribettata su questo run out. Avrebbe inoltre la possibilità di realizzare equity con un Asso al river con tutta quella parte di assi baby .

Se Simone avesse optato per una bet o shove al turn avrebbe potuto farlo con una porzione dei suoi AA, AK e anche KK, bilanciando con Assi suited a picche.

RIVER

Cade un Asso di cuori e lo spot va ancora in check check. Questo non è un buon river per la specifica combo di Simone che si ritrova in una situazione scomoda. Qualora bettasse non verrebbe mai chiamato da una mano peggiore. In pratica o Simone viene chiamato da AA oppure riceve un fold vs shove.

Quindi, non vedendo un calling range alla sua bet visto che small blind dovrebbe foldare pure le poche combo di AQ che ha su questa linea, che sono quella a picche e una porzione di quella a quadri, opta per il check back, che per quanto detto finora è sicuramente la scelta più coerente.

Per approfondire le dinamiche preflop e postflop con Simone e gli altri coach di In The Zone Academy puoi consultare questo link.

Inoltre sono già disponibili le Masterclass MTT livello BASIC e livello ADVANCED (clicca QUI per scoprire tutti i corsi disponibili).

I prossimi appuntamenti

Come sempre potrete seguire Simone ai tavoli WSOP in diretta live sul canale Twitch di In The Zone, insieme agli altri tornei della serata e al commento tecnico dei coach di ITZ!

Non sei ancora abbonato al nostro canale Twitch?

Clicca qui per registrarti e accedere all’archivio delle trasmissioni passate e ricordati di mettere il follow per ricevere le notifiche ogni volta che saremo online!