fbpx
alessandro romeo emanuele monari in the zone fold
Stefano Atzei

Stefano Atzei

Alessandro Romeo analizza un fold (per pochi) di Emanuele Monari

Il concetto di “giusto” o “sbagliato” nel poker ha confini davvero labili.

In un torneo ci troviamo decine e decine di volte ad effettuare delle scelte, con la speranza che le nostre decisioni ci portino a qualche bel risultato.

E tante volte, spesso più di quante si possa immaginare, la scelta migliore è passare. E aspettare la mano successiva.

E’ capitato al nostro Emanuele Monari al tavolo finale del Need for Speed da 100€ in scena su PokerStars.it, in uno spot nel quale si è trovato a restituire al dealer una mano con cui in molti avrebbero messo tutto lo stack in mezzo.

Lo spot nel dettaglio

image 2021 03 23T17 59 36 303Z

Tavolo finale del Need for Speed, 7-handed

Il chipleader al tavolo in posizione di Hi-Jack apre a 2BB, passa il Cut Off, il Bottone va all-in per 1/4 di bui e la parola passa a “barramp9k8” da Small Blind, con A♠ 9♠ e poco meno di 9BB a disposizione.

Emanuele, dopo aver utilizzato tutto il time bank, decide di foldare. il motivo? Ce lo spiega qui sotto.

Il thought process di Monari

“Apre il CL che era un po’ ‘fishy’ e sicuramente apriva più largo del dovuto. C’è lo shove del morto e questo spot diventa sick da small, perché foldando ho la possibilità di ‘sciacallare’ un gradino del payout se “TESTADIDONNA” viene eliminato.

Se invece raddoppia sarà comunque all-in nel giro di 2-3 mani. Inoltre l’effetto collisione fa sì che in queste mani potrebbero scontrarsi altri stack tra di loro facendomi guadagnare altri soldi.

Un altro punto a favore del fold, è che si tratta di uno spot dove al posto del chipleader openshoverei pressochè ATC, proprio perché tutti i giocatori dovrebbero giocare molto nitty aspettando che lo short stack esca.

Il CL invece apre, e nei panni di un ricreazionale mi aspetto un range tendenzialmente forte. Poi magari era comunque capace di raise-foldare ma chissà, magari pure di raise-callare con broadway suited e non so se in questo spot è uno scenario in cui debba sperare di trovarmi o no.

Insomma, uno spot decisamente complicato ed un rischio che decido di non prendermi.

L’analisi di Alessandro Romeo

Visto che si tratta di una situazione con pressione ICM, quale miglior candidato per analizzare lo spot se non il nostro Alessandro Romeo, che proprio in queste settimane sta ultimando il suo Master ICM (disponibile a breve)

Situazione

“Partiamo analizzando la line up del tavolo. La media del torneo è di circa 10bb, ci sono 2 Big Stack, 4 pari stack in average (“Mid Stack”), mentre salta all’occhio il Bottone che è super short per ¼ di buio.

E’ un dettaglio è importante in quanto non parteciperà all’intero pot ma solo ad una frazione di esso.

Questo rende la sua presenza al tavolo più insignificante di quanto potrebbe sembrare inizialmente, con i Big Stack che non andranno a modificare la loro strategia preflop, mentre gli altri giocheranno un po’ più conservativi per non correre il rischio di venir eliminati prima di lui.

Tuttavia il Bottone deve andare all-in con il 100% del suo range, e se “Hero” compie una scelta aggressiva vuol dire che partirà con un netto vantaggio in termini di Equity.

Worst scenario

Il peggior scenario possibile è quello di andare all-in, venir chiamati da uno stack che ci copre, ed il Bottone vince il pot 3-way con noi che perdiamo il side pot e, di conseguenza, veniamo eliminati prima. E’ una possibilità molto remota che inciderà pochissimo sul nostro processo decisionale.

Per decidere cosa fare o meno con A9s preferisco spostare la mia attenzione su quella che dovrebbe essere la strategia ottimale di open da parte del Chipleader, e prendere la decisione corretta in base a quello che mi aspetto che faccia in realtà.”

Strategia ottimale

Parliamo di teoria che tanto mi piace: il Chipleader in questa dinamica non vuole avere solamente una strategia di Push o Fold, ma vuole includere anche un range di Raise-to Call e Raise-to Fold che sia bilanciato.

E se è facile costruire una strategia di Push o di Raise-to Call, meno facile è avere un Raise-to Fold adeguato.

Mettendo lo spot su HRC possiamo osservare che per il Chipleader è EV+ andare all-in con più del 60% del suo range, includendo mani come K6o, Q8o, J4s, ecc.”

image

Allo stesso modo, non vorrà andare all-in preflop direttamente con le sue mani molto forti che possono chiamare uno Shove (99+, AJs, AQo). Tuttavia, se aprisse solo con quella tipologia di mani, sarebbe troppo facile per gli avversari giocarci contro, quindi vorrà avere delle mani che sta aprendo per foldare. E dove le prende?

Vuole Raise Foldare quelle mani che hanno un valore atteso uguale o maggiore dell’All-In Preflop (altrimenti andrebbe All-In Sempre), o del Fold (altrimenti Folderebbe sempre). Quindi le mani che vuole selezionare stanno circa nella parte bassa del suo range di Push, come K4o, Q6o, T8o, T5s-T4s, ecc.

Il suo scopo è quello di rendere i reshove dei suoi avversari con Axs e Broawdway suited più o meno indifferenti tra andare All-In o Foldare. Per riuscire in questo intento dovrebbe mantenere una frequenza di Raise-to Call del 40%, e Raise-to Fold del 60%.

Contro questo tipo di strategia, A9s è uno re-Shove marginale.

image 1

Questione di frequenza

“Abbiamo visto che è facile costruire una strategia di Raise-to Call o di All-In, più complicato è invece costruire una strategia di Raise-to Fold corretta e possiamo prendere la nostra decisione con A9s in base a come ci aspettiamo che il nostro avversario giochi rispetto all’ottimale.

Per mia esperienza personale il field tende a dimenticarsi di troppi Raise-to Fold che possono essere controintuitivi, quindi opterei per un Fold.

Vuoi approfondire lo studio dell’ICM e prenotare una lezione privata con Alessandro Romeo? CLICCA QUI!

LEGGI ANCHE: SIMONE SPERANZA: IL DOWNSWING ALLE WSOP? IL VERO TRAGUARDO È STATO GIOCARLE!

GUARDA IL PRIMO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME IMPRENDITORE

GUARDA IL SECONDO VIDEO DELLA MASTERCLASS MTT: IL POKER PLAYER COME ATLETA


Sul nostro sito puoi trovare anche i VIDEOCORSI  dedicati a tornei, cashgame e crypto traiding!

Non perdere infine gli appuntamenti con le nostre analisi tecniche e con le dirette streaming: registrati al nostro canale Twitch per restare aggiornato!

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su skype